the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

Posts Tagged ‘Irlanda’

Storie di calcio e cooperazione: Friends of the Rebel Army Society

Posted by thepeoplesgame su 15 febbraio 2012

(traduzione da stories.coop, il sito che raccoglie storie da tutto il mondo per celebrare il 2012 come Anno Internazionale delle Cooperative)

Cork ha una storia travagliata per quanto riguarda la sua squadra di calcio. Varie entità nel corso degli anni hanno assaggiato il successo e sono andate in fallimento ed un obiettivo fondamentale per il FORAS era trovare un modo per contribuire a mantenere nella zona una società di calcio sostenibile. Le proposte in ordine comprendevano strutture per gli allenamenti o la creazione di una risorsa patrimoniale che potesse essere affittata o prestata al club per una quota simbolica e l’obiettivo finale è sempre stato ottenere una partecipazione azionaria ad un certo punto in futuro.

Diversi mesi dopo aver iniziato a mettere in atto le scartoffie e le fondamenta, e proprio quando il FORAS era pronto per il lancio ufficiale, il Cork City Football Club è andato in amministrazione controllata. La crisi ha significato che centinaia di persone hanno aderito alla cooperativa in pochi giorni e lo stesso trust ha giocato un ruolo chiave nell’aiutare il CCFC a sopravvivere a quella fase. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Posted in Dall'Europa | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Irlanda, il Galway United Supporters Trust rompe con il club e si candida a sostituirlo in campionato

Posted by thepeoplesgame su 10 gennaio 2012

Un club che, schiacciato dai debiti, rinuncia ad iscriversi al campionato dopo 74 anni, un altro, appena formato dai suoi stessi tifosi, che si candida a prenderne il posto e a continuare la storia di quei colori, adottando il modello cooperativo. Succede in Irlanda, dove il Galway United ha ritirato la propria domanda di iscrizione alla Airtricity League 2012 (la stagione calcistica irlandese va da marzo a novembre) come ultimo atto di una gravissima crisi a livello finanziario.

Lo scorso anno il club, di cui il capo dello Stato Micheal Higgins è presidente onorario, è retrocesso dalla Premier Division, ultimo in classifica con solo sei punti, riuscendo a infilare una serie di ben 22 sconfitte consecutive. A metà stagione, il rinnovo ell’intera rosa, andando a pescare in una squdra dilettantistica locale. Il direttore generale era Nick Leeson, lo stesso che con le sue operazioni speculative di trading ha causato il collasso della Barings Bank, la banca di investimenti più vecchia del Regno Unito. Ora i comunicati ufficiali parlano di dodici mesi senza calcio giocato per lavorare a strategie e cambiamenti che consentano di candidarsi ad una licenza per il campionato 2013.

Ma i tifosi hanno altri piani. Durante la scorsa stagione il Galway United Supporters Trust si è incaricato della gestione quotidiana del club ma ora, giudicati insostenibili i rappporti con gli attuali dirigenti, ha deciso all’unanimità di staccarsene e di prendere in mano il proprio destino, formando una nuova società e impegnandosi a creare le condizioni perchè venga accettata la propria domanda per un posto nella Airtricity League 2012, andando quindi a sostituire il Galway United. Questioni organizzative e “politiche” tengono occupati in questi giorni i rappresentanti del trust, tra un impianto di gioco di cui ottenere la conferma, un allenatore da trattenere, ed il dialogo con le istituzioni calcistiche a livello locale e nazionale.

Il supporto dei tifosi, collettivamente e democraticamente proprietari del nuovo club, una fan base locale forte e numerosa, una media di oltre 900 persone allo stadio nello scorso disastrato torneo, è ciò su cui si punta e che potrebbe risultare cruciale nella decisione finale.
Intanto, a sostegno della candidatura del GUST, c’è la petizione online che ha già raccolto oltre 1200 firme. Bastano pochi secondi per appoggiare una causa per loro fondamentale, ma importante per chiunque vorrebbe davvero un calcio diverso.

Posted in Dall'Europa | Contrassegnato da tag: , | 2 Comments »

Shamrock Rovers: in Europa League una squadra al 100% di proprietà dei tifosi

Posted by thepeoplesgame su 13 settembre 2011

Si avvicina il fischio d’inizio della fase a gironi dell’Europa League e c’è una bella storia a riguardo da raccontare, ed un in bocca al lupo da mandare agli Shamrock Rovers: saranno l’unico club totalmente in mano ai propri tifosi a prendere parte alla competizione (tra l’altro, con prezzi popolari: 70 euro per le tre partite casalinghe del girone).
Lo scorso anno a portare avanti in Europa League il movimento per la fan ownership era stato l’Aris di Salonicco, di cui i tifosi possiedono il 40% delle azioni e controllano oltre il 60%. I greci furono eliminati ai sedicesimi dal Manchester City.
Ora tocca agli Shamrock Rovers, uno dei più titolati d’Irlanda, con 15 scudetti e 24 coppe nazionali in bacheca. Nella scorsa stagione hanno finalmente vinto il campionato irlandese e si sono affacciati in Europa. Dopo che avevano superato Flora Tallinn ed FC Copenaghen, a sbarrare loro la strada verso la Champions League è stata la Juventus, che li ha eliminati al terzo turno preliminare. Battuto il Partizan Belgrado per un posto nella fase a gironi dell’Europa League, gli Shamrack Rovers debutteranno il 15 settembre in casa contro Rubin Kazan.

La presentazione del club e della sua filosofia si apre così “Shamrock Rovers belongs to the people who cherish it most: the supporters”, la squadra appartiene a chi l’ha più cara: i tifosi.
Perché possano goderne molte generazioni a venire, quindi, è fondamentale avere delle basi solide per farlo crescere in futuro. Il club ha ritirato la maglia numero 12: il dodicesimo giocatore degli Shamrock Rovers sono i suoi tifosi. Tra gli obiettivi, allargare far crescere il numero dei sostenitori, ma anche prendersi cura di quelli esistenti e delle loro necessità.
La partecipazione è aperta e democratica, basata sul principio una testa un voto.
Il club viene gestito senza scopo di lucro soggettivo affinché non si trovi più in cattiva acque: qualsiasi utile viene reinvestito nell’attività istituzionale. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Dall'Europa | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Anche in Irlanda il primo club salvato dai tifosi nuovi proprietari

Posted by thepeoplesgame su 2 marzo 2010

E’ il Cork City il primo club irlandese di proprietà dei tifosi, che lo hanno salvato dopo il collasso finanziario della passata stagione, quando militava nella Premier League irlandese, e la messa al bando del vecchio proprietario da parte della Federazione. Il Supporters Trust ha ottenuto la licenza per poter ripartire dalla categoria appena inferiore, il cui campionato comincia a marzo: in bocca al lupo!

Per saperne di più, un articolo sul sito della rivista When Saturday Comes.

Posted in Supporters Direct Europe | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: