the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

Da leggere

La biblioteca di The People’s Game

ultimo aggiornamento dom 05 giu 2011

———————————————————————————————-

La trasferta, di Stefano Faccendini (Edizioni Clandestine, 2009)

Faccendini torna ad occuparsi di calcio, un calcio che per molti continua a rappresentare uno strumento di identità popolare, un pretesto per riaffermare, nell’era della globalizzazione, l’importanza dell’appartenenza. Un calcio malato, colmo di scandali prontamente insabbiati, di accordi strategici dietro le quinte, di imprenditori corrotti. In un sistema in cui una vetrina infranta è un crimine più grave di una partita truccata, troppo spesso ci si dimentica che dietro i tifosi c’è tutto un universo da preservare, fatto di ideali e persone.

Leggi le recensioni di QuasiRete, Magico Venezia,  e un’intervista all’autore.

———————————————————————————————-

Noi siamo il Wimbledon, di Stefano Faccendini (Edizioni Clandestine, 2006)

Nel 1889 alcuni ex alunni della Old Centrai School, che si riunivano per giocare a calcio nel parco locale, Wimbledon Common, decisero di formare una squadra. Probabilmente nessuno di loro avrebbe mai immaginato che un giorno quel club, pur conservando intatti i valori sportivi e uno spirito dilettantistico, sarebbe approdato, dopo essersi aggiudicato una FA Cup ai danni del Liverpool, nell’Olimpo del calcio inglese: la Premier League. Poi, il successivo declino, la perdita di identità, le traversie economiche, fanno parte di quella logica perversa che ha snaturato lo sport e lo ha reso unicamente business. E uomini d’affari senza scrupoli, insensibili a ciò che è espressione di una comunità, la rappresentano per perseguire i propri interessi, usurpandone il nome e cedendone lo stadio. Ma non sempre Golia vince. Alle volte l’amore, l’orgoglio, la determinazione della gente riescono a compiere miracoli. Chi non si é mai arreso lo sa.

Leggi le recensioni di Progetto Ultrà e dei blog UK football please e Football Love.

———————————————————————————————-

tifosi & ribelli, di Stefano Faccendini (Edizioni Clandestine, 2005)

Il calcio è tante cose, non è solo un gioco e quando la società di cui Mario è accanito sostenitore viene messa in liquidazione e rischia di scomparire dal calcio che conta, questi, con l’aiuto di alcuni amici tifosi decide di compiere un gesto estremo. Fatta irruzione nei locali dove viene trattata la cessione del pacchetto azionario, prende in ostaggio l’attuale presidente, il compratore, i rappresentanti legali e quanti altri presenti, minacciando di fare una strage se la squadra non verrà salvata. Asserragliato nell’edificio e circondato dalle forze dell’ordine, si confronterà, in un paradossale dialogo-scontro, con una realtà economica che ha ben poco a vedere con l’amore e la passione per lo sport.

Leggi la rassegna stampa.

Le letture calcistiche e le recensioni di Stefano Faccendini.

———————————————————————————————-

Calcio e potere, di Simon Kuper (ISBN edizioni 2008) – edizione originale Football Against The Enemy (Orion, 1994)

Questa è la storia politica e sociale dello sport più popolare del mondo. La prospettiva mondiale di Kuper diventa un racconto sul campo che tiene insieme il consenso a Mussolini e l’ascesa di Berlusconi, l’indipendentismo basco e catalano, lo scontro religioso in Irlanda tra Celtic e Rangers, i traumi della Seconda guerra mondiale tra Germania e Olanda, la contrapposizione tra squadre borghesi e popolari. Perché il calcio è molto più di un gioco: è uno spazio simbolico dove prendono forma e si sfogano l’appartenenza e l’avversione. Può essere usato da dittatori e politicanti, accendere rivoluzioni o salvare regimi. E non ha affatto finito di essere politico.

Un po’ datato, ha quasi 20 anni, ma un capolavoro.

———————————————————————————————-

Soccernomics: Why England Lose, Why Germany and Brazil Win, and Why the U.S., Japan, Australia, Turkey and Even India are Destined to Become the New Kings of the World’s Most Popular Sport, by Simon Kuper and Stefan Szymanski (Da Capo Press, 2009)

Soccernomics: Why England Lose, Why Germany and Brazil Win, and Why the U.S., Japan, Australia, Turkey and Even India are Destined to Become the New Kings of the World's Most Popular Sport

Small book, big wallop! This econometric look at the world’s most popular sport is worth the price and the effort it can take to plough through the numbers here to understand why some soccer clubs succeed where others fail as Parisian Kuper and Londoner Szymanski take an in-depth look at soccer and its impact on the nations where the sport is next to religion, as well as its smaller following in the United States. From an initial chapter on England’s soccer misfortunes to a comparison between club soccer and the NFL, the authors use statistics to reveal truly fascinating insights into soccer, the men (mostly) who play it, and the behind-the-scenes business of soccer—although the authors conclude soccer is not big business. In fact, they call soccer “the worst business in the world.” Although necessarily tied down by the numbers game, the text is fast paced and often humorous, with a strong air of sarcasm that will delight readers. VERDICT Enthusiastically recommended to all soccer fans, general and specialized, as well as those thinking of becoming one.

Il nuovo libro di Simon Kuper.

———————————————————————————————-

Brilliant Orange: The Neurotic Genius of Dutch Football, by David Winner  (Bloomsbury Publishing, 2000, nuova ed. 2001)

Brilliant Orange: The Neurotic Genius of Dutch Football

The intellectualisation of football has always foundered on a simple problem–the players. Doing all your most rewarding thinking with your feet seems to dull the philosophical impulse. Unless, of course, you are Dutch. According to legend, Europeans played a moronic, muscular version of the world’s game, until Holland proclaimed its vision of total football in the 1974 World Cup, and enlightenment dawned. In Brilliant Orange–the neurotic genius of Dutch football, journalist David Winner explores his personal fascination with the land that gave the world Van Gogh, Rembrandt and Johan Cruyff–searching for reasons why such a tiny country has produced some of football’s most intelligent, enigmatic and unfulfilled teams. Winter talks with the players, past and present–including Johnny Rep and Ruud Krol from the losing World Cup Final sides of 1974 and 1978–uncovering their personal experience of the public triumphs and disasters. But it is the breadth of his enquiry into what it may mean to be Dutch–reconciling a colonial past with a multi-cultural present; living with the memories of wartime occupation and collaboration; the tensions between a fiercely individualistic, libertarian spirit and the principles of communality–that makes this such an extraordinary and wonderful book.

Il calcio olandese spiegato da un punto di vista filosofico, demografico, geografico e architettonico. unico.

———————————————————————————————-

Inverting the Pyramid: A History of Football Tactics , by Jonathan Wilson (Orion, 2008)

Inverting the Pyramid: A History of Football Tactics

Whether it’s Terry Venables keeping his wife up late at night with diagrams on scraps of paper spread over the eiderdown, or the classic TV sitcom of moving the salt & pepper around the table top in the transport cafe, football tactics are now part of the fabric of everyday life. Steve McLaren’s switch to an untried 3-5-2 against Croatia will probably go down as the moment he lost his slim credibility gained from dropping David Beckham; Jose Mourinho, meanwhile, was often brought to task for trying to smuggle the long ball game back into English football. Here Jonathan Wilson pulls apart the modern game, traces the world history of tactics from modern pioneers right back to beginning where chaos reigned. Along the way he looks at the lives of great players and thinkers who shaped the game, and probes why the English, in particular, have ‘proved themselves unwilling to grapple with the abstract’.

La storia della tattica nel calcio attraverso l’apporto di grandi allenatori e giocatori, fantastico.

———————————————————————————————-

Morbo: The Story of Spanish Football, by Philip Ball (WSC Books, nuova edizione 2003)

English writer Phil Ball has put the history of Spanish football into the context of the epomymous Morbo. Hard to pin down in translation (though the author manfully spends a chapter trying to explain the term in its fullest sense), “morbo” encapsulates the fierce rivalry across a club scene fragmented by history, language and politics. The bitter feeling between Barcelona and Real Madrid has, of course, been well-documented elsewhere. Here that famous rivalry is only one component of a landscape of antagonism. In particular, the Basque country in the north-west and Seville in the south both provide breeding grounds for a healthy portion of “morbo”, and receive Ball’s attention accordingly. The narrative captures the essence of that feeling perfectly, without failing to inform on a historical basis. A splendid chapter traces the ancestry of football in Spain back to the labourers in the English-owned copper mines in Huelva, Andalucia. While Spanish club football has always had its stars, from Di Stefano to Cruyff and Butragueno through to Raul and Luis Figo today, Ball shows that there is a greater force running in its lifeblood. Yet still there remains a paradox; he analyses the historical under-achievement of the Spanish national side in major international tournaments.  The new millennium has seen excellent books focusing on football culture in Holland and France–namely Brilliant Orange and Le Foot. At a time when the stock of Spanish club football has perhaps not been higher since the heyday of Real Madrid in the late 50s and early 60s, Morbo, a triumph in the same vein, thankfully allows us to add Spain to the list.

———————————————————————————————-

Ajax, Barcelona, Cruyff: The ABC of an Obstinate Maestro, by Barend Frits and  Henk Van Dorp (Bloomsbury Publishing, 1998)

Ajax, Barcelona, Cruyff: The ABC of an Obstinate Maestro

Johan Cruyff stands among the elite in the pantheon of football’s greats. Perhaps, only Pelé ever surpassed him. And that is arguable. Ajax Barcelona Cruyff constitutes a collection of interviews with Holland’s greatest ever player conducted by Dutch journalists Barend and Van Dorp. Most of the conversations transcribed here touch on the issues which followed Cruyff throughout his successful career as player and coach, both with Ajax of Amsterdam, and Barcelona. The authors refer to Cruyff as an obstinate maestro, an impression certainly evident in the text. However, it is also undeniably clear that under the surface remains a man who cares, with perhaps unparalleled insight into the mechanics of football and of modern footballers themselves. While Cruyff’s view of his numerous disputes with coaches, chairmen, players, journalists and just about anyone else willing to argue, are well-aired here, and provide another perspective on an already well-documented career, the most intriguing dialogue deals with tactical matters. This provides elementary reading for anyone thinking about the game today. Few, if any, players have had such an impact on the tactical side of modern football. As the innovator responsible for the total football played thrillingly by the Dutch in the 1970s, Cruyff passes comment on Dutch masters past and present such as Van Basten, Koeman, Rijkaard and Bergkamp. When the interviews turn to Cruyff’s own playing systems, the Dutch superstar’s comments seem at once revelationary and simplistic. Unintentionally, this superb book could have become as essential as any ever written on football tactics. Meanwhile, it stands as a tour de force in its own right.

Il calcio secondo uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi, curioso.

———————————————————————————————-

Behind the Curtain: Travels in Eastern European Football, by Jonathan Wilson (Orion, 2006)

Behind the Curtain: Travels in Eastern European Football

With style and erudition, Wilson proves that football is a metaphor, an allegory, and much more than just a game.

Il calcio nell’europa dell’est, da leggere.

———————————————————————————————-

Dynamo, by Andy Dougan (Fourth Estate, nuova edizione 2002)

 

When Hitler initiated Operation Barbarossa in June 1941, he caught the Soviet Union completely by surprise. At breathtaking speed his armies swept East, slaughtering the ill-prepared Soviet forces. His greatest military gains of the entire World War II were made in a few short months, and the largest single country that he conquered was the Ukraine. Ukraine’s capital, Kiev, was circled, assaulted and overrun, and among the city’s defenders who were captured and incarcerated were many of the members of the sparkling 1939 Dynamo Kiev football team, arguably the best in Europe before the war. Captured Kiev was a starving city whose population were deported in vast numbers as slave labour. However one man determined to save not just the surviving players from the Dynamo side but other athletes. He offered them work, shelter and, most valuable, bread, as workers in his bakery. Inspired by the charismatic goalkeeper Trusevich, the Dynamo side was re-formed as as Start FC and a series of fixtures was arranged, all of which the team won handsomely. To such an extent that they inspired Kievan spirits. The final fixture against the Luftwaffe was agreed by the German authorities: a well-fed team from the Fatherland would vanquish the upstart Ukrainians, especially if the game was refereed by an SS officer. The match is an allegory of resistance; its consequences are brutal. Andy Dougan has discovered the truth behind a legendary encounter, sorting fact from fiction and restoring to the centre of World War II, a moment of extraordinary poignancy and complex bravery, of which the cliche is demonstrably true: football is not a matter of life or death; it’s much more important than that. In 1942, at the centre point of World War II, an extraordinary event took place not on the battlefield but in a municipal stadium in Kiev. A match was arranged between a German Luftwaffe side and a team of impoverished Kievans from a local bakery – Start FC – that became the subject of legend. This is the true story of courage, team loyalty and fortitude in the face of the most brutal oppression the world had ever seen.

La vera storia da cui hanno tratto l’idea per fuga per la vittoria, senza il lieto fine. Epico.

———————————————————————————————-

Il miracolo di Castel di Sangro, di Joe Mc Ginniss (Kaos, 2001) – edizione originale The Miracle of Castel di Sangro  (Little Brown1 1999)

Nell’estate del 1996 lo scrittore americano Joe McGinniss (autore di best seller come The Selling of the President, Fatal Vision, Blind Faith e The Last Brother) si reca in un piccolo paese abruz- zese di soli 5 mila abitanti, Castel di Sangro. Perdutamente innamorato del calcio italiano, McGinniss intende seguire passo passo il cam- pionato 1996-97 della squadra locale, che è reduce da un’mpresa salutata come «un miracolo»: il Castel di Sangro è riuscito a conquistare la promozione in Serie B, e disputerà il nuovo campionato affrontando squadre cittadine come il Torino, il Genoa, il Padova, il Venezia e il Bari, nel tentativo di ripetere «il miracolo» rimanendo in serie B.
In questo libro McGinniss racconta la sua lunga permanenza a Castel di Sangro al seguito della squadra, e tutte le vicende di cui è stato testimone diretto nel corso del campionato 1996-97. Vicende calcistiche, in un’altalena di vittorie e sconfitte, intrecciate a retroscena di ogni genere: affarismi, scandali, ambiguità, drammi, e italiche furbizie.
Scritto con passione e ironia, popolato di personaggi memorabili, avvincente come un thriller, Il miracolo di Castel di Sangro è un capolavoro narrativo. Un’opera capace di trascendere l’aspetto meramente sportivo, per disegnare un impietoso e veristico ritratto della realtà italiana.

———————————————————————————————-

Questa pazza fede. L’Italia raccontata attraverso il calcio, di Tim Parks (Einaudi, 2000)

Da Udine a Reggio Calabria, da San Siro all’Olimpico, in viaggio con gli ultras e i giocatori, il racconto avvincente di una stagione calcistica che si trascina fino ai play-off, ma anche uno sguardo completamente nuovo sull’eterno enigma del carattere italiano. Il club, come sempre, lotta per evitare la retrocessione. Fino all’ultimo, quando a un certo punto sembra perfino che nel 2001, in serie A, ci sarà solo l’odiato Chievo… I tifosi sono accusati di volgarità, razzismo e violenza. Le elezioni sono imminenti e la politica è dappertutto. La polizia è ambigua, i viaggi estenuanti, gli arbitri imperdonabili, gli aneddoti spassosi.

Bella descrizione dell’Italia e del calcio italiano da parte di un inglese.

———————————————————————————————-

Futebol. Lo stile di vita brasiliano, di Alex Bellos (Baldini Castoldi Dalai 2004) – ediizone originale Futebol: The Brazilian Way of Life (Bloomsbury Publishing, 2002)

Alex Belios ha attraversato l’immensa patria del bel gioco per trovare nel pallone e nei suoi protagonisti – ricchissimi professionisti o sconosciuti pedatori che siano – la chiave con cui interpretare e spiegare i misteri di un popolo e i suoi eccessi. Perché in tutte le arti, in ogni forma di costume, lo stile di vita brasiliano è quello dell’impossibile e sublime eclettismo. Nel caso del calcio, poi, magia, fanatismo e arte di arrangiarsi sono le molte facce di un carattere nazionale inafferrabile: dai club di fan più accesi, ai santuari pieni di reliquie, dagli stregoni assoldati dalle società per scacciare il presunto malocchio che le fa perdere al disoccupato dal look stravagante che viene pagato dagli sponsor per mostrarsi nelle immagini dei grandi eventi sportivi, dal calcio-fango giocato sulle rive dei fiumi amazzonici al nostalgico che gestisce l’unica bottega del Paese di calcio-bottoni, ogni personaggio di questa umanità che si chiama Brasile contribuisce al fascino delle sue insolubili contraddizioni. Ma altri contrasti vanno aggiunti, come lo strapotere dei dirigenti di società, spesso deputati nazionali, o una Federazione calcistica nazionale corrotta e criminale, che, a detta di alcuni, ha trasformato il mercato interno in una vetrina per i club europei.

———————————————————————————————-

Rifugiati Football Club, di Warren St John (Neri Pozza, 2009) – edizione originale: Outcasts United: A Refugee Team, an American Town (Fourth Estate, 2009)

Clarkston, Goòrgia, era una tipica cittadina del Sud fino a quando non è stata designata nel 1990 come centro di accoglienza per i rifugiati, diventando la prima dimora americana per innumerevoli famiglie in fuga dalle zone di guerra di tutto il mondo. Improvvisamente le sue strade si sono riempite di donne che indossano il velo, ovunque si è diffuso il profumo del curry e del cumino, e ragazzi di ogni colore hanno iniziato a giocare a calcio in qualunque spazio disponibile. La città è diventata anche la casa della carismatica Luma Mufleh, una donna giordana che ha studiato negli Stati Uniti e che ha fondato una squadra di calcio composta dai ragazzi di Clarkston. E quei ragazzi hanno trovato un nome per la loro impresa: i Fugees, i Rifugiati. L’incredibile storia dei Fugees inizia il giorno in cui Luma vede qualcosa di inaspettato: un gruppo di ragazzi sopravvissuti alle guerre, alla violenza, alla morte di fratelli e genitori, sta giocando a calcio con una passione e una grazia che sembrano annullare qualsiasi orrore. Basta un attimo e Luma comprende il suo destino. Un pomeriggio del giugno 2004 gli aspiranti calciatori accorrono entusiasti e increduli al primo provino dei Rifugiati e Luma è pronta a scoprire ed esaltare ciò che hanno davvero in comune. “Rifugiati Football Club” segue una grande stagione dei Fugees e della loro allenatrice.

Il calcio usato come strumento di integrazione, buona lettura.

———————————————————————————————-

More Than Just a Game: Football v Apartheid, by Chuck Korr and Marvin Close (Collins, 2008)

A fascinating account of the immense importance of the sport. A little-known story well worth rescuing from the mists of history.

Il calcio come strumento di identita’, ribellione e difesa. Molto bello.

Un assaggio del libro cliccando qui.

Con i  mondiali in Sudafrica, è arrivata anche la traduzione in italiano:  Molto più di un gioco. Il calcio contro l’apartheid

———————————————————————————————-

Lettere dalla Curva Sud, di Filippo Benfante e Piero Brunello (Odradek, 2001)

Questo libro è frutto di una “osservazione partecipata” allo stadio Penzo di Venezia, con sciarpa arancioneroverde. Gli autori seguono con divertimento le partite in Curva sud, dove la maggior parte dei tifosi preferisce i nomi “VeneziaMestre” e “Unione” a quello ufficiale “Venezia”, esprimendo così anche un modo di pensare i luoghi dove vivono.
A parte questo aspetto, il tifo organizzato del Penzo non è molto diverso da quello che si può trovare in altri stadi; tuttavia, ha alcune caratteristiche che mettono gli autori a loro agio: in Curva sud non si espongono simboli nazifascisti e si adottano pratiche antirazziste. Infine, conta anche la fortuna di non aver mai assistito a scontri violenti tra tifosi o con la polizia. Negli ultimi anni, la scelta antirazzista ha ridefinito accordi e alleanze (“gemellaggi”) tra i vari gruppi di tifosi. Le discussioni su questo punto stanno modificando il rapporto tra politica e “mondo ultras”, che pure continua a rivendicare la sua totale autonomia, regolandosi secondo un codice di comportamento e una “mentalità” propri, e che si definisce perciò “apolitico”. Altri aspetti sono oggetto di confronto interno: dalla necessità di differenziare le forme del tifo antirazzista da quelle comuni anche a tifoserie razziste, al rapporto con il maschilismo, con la violenza e con le forze dell’ordine. Sono discussioni affini a quelle in corso in altri settori della società.
Per questo, secondo gli autori, è “buona abitudine diffidare del fanatismo, ma si può considerare con la giusta serietà e con rispetto il modo che le persone scelgono per passare il tempo libero”.

John Foot, nel suo “Calcio“, lo definisce «il libro sul calcio più interessante uscito negli ultimi anni in Italia, e forse proprio per questo completamente ignorato».

———————————————————————————————-

L’Utopia calcistica dell’Athletic Bilbao, di Simone Bertelegni (BradipoLibri, 2011)

 

 

 

 

 

 

 

 

«Anomalia», «Utopia calcistica», «Ultimo club romantico», «Caso unico nel calcio mondiale», «L’ultimo dei Mohicani»… sono solo alcune delle definizioni che i mezzi comunicazione e gli appassionati di calcio di mezzo mondo hanno usato negli anni per definire l’Athletic Club di Bilbao, l’unica squadra di calcio di una prima divisione di livello internazionale (la Liga) a rifiutarsi di accettare le regole del calcio globalizzato. Continuando a schierare solamente giocatori nati o cresciuti nei Paesi Baschi, l’Athletic è diventato qualcosa di più di un club di calcio: un fenomeno sociale e culturale, un caso di studio per storici, antropologi, sociologi, giornalisti o semplici tifosi alla ricerca di un calcio dal volto più umano. Il volume analizza con occhio ora obiettivo ora complice la realtà biancorossa, attraverso un approccio storico e sociologico. Per capire che un’alternativa al calcio flagellato dal mercenarismo, dagli scandali finanziari e giudiziari, dal doping, dalla violenza e dallo svuotamento degli stadi esiste già!

Presentazione della precedente edizione, L’ ultimo baluardo. Il calcio schietto dell’Athletic Bilbao, di Simone Bertelegni (Limina, 2006)

Nel calcio del terzo millennio, toccato da gravi scandali e dall’onnipresente ricerca del profitto, c’è una squadra che non ha ancora venduto l’anima al diavolo: l’Athletic Club di Bilbao. Oltre cent’annì di gloriosa storia sportiva che attinge esclusivamente al settore giovanile e a giocatori nati dietro l’uscio di casa. Di fronte a tutte le degenerazioni che stanno ammorbando il calcio, sentenza Bosman, Passaportopoli, Piedi Puliti, doping , amministrativo, ipertrofia televisiva, caccia agli utili a ogni costo e così via, agli appassionati della pedata restano due soluzioni: troncare ogni rapporto col mondo del pallone o trovarsi un rifugio. A chi opta per la seconda, un suggerimento: innamoratevi dell’Athletic Bilbao. Tuffatevi nelle pieghe delle maglie biancorosse della squadra basca, per trovarvi un’idea di calcio dal sapore primo Novecento: nessuno straniero in campo, nessun presidente-dittatore, nessuna ossessione televisivo-affaristica, totale fedeltà a una maglia tuttora non macchiata da alcun logo pubblicitario. Fantascienza o, al contrario, passato remoto? No, una realtà presente e vincente. Mai retrocessa dalla serie A spagnola, primato condiviso con le multimilionarie e multinazionali Barcellona e Real Madrid. Athletic: l’ultimo baluardo a difesa di romanticismo e purezza dagli attacchi del calcio moderno. Un libro che narra la storia, ma soprattutto tenta di spiegare la filosofia che guida la più singolare squadra di calcio di tutti i tempi.

———————————————————————————————-

La squadra spezzata. L’Aranycsapat di Puskás e la rivoluzione ungherese del 1956, di Luigi Bolognini (Limina, 2007)

La sottile linea rossa che lega l’Aranycsapat (squadra d’oro), la Nazionale ungherese di Puskás e Hidegkuti, con la rivoluzione del 1956, repressa dall’Unione Sovietica con i carri armati. Quella squadra, come la Honvéd, il club di Budapest in cui militano Puskàs e Bozsik, è l’ambasciatrice del Paese nel mondo, macina gol e spettacolo e viene acclamata ovunque. E regala bellezza e gioia agli ungheresi, oppressi da un regime grigio e sanguinano, gli dà la speranza di un futuro diverso. Il giovanissimo Gábor, fanatico di Puskás, vive i trionfi alle Olimpiadi e contro l’Inghilterra come il segno che il comunismo, di cui è un convinto seguace, sia destinato a vincere. Ma la sconfitta nella finale della Coppa Rimet del 1954 (l’unica partita persa dall’Aranycsapat su 50 tra il 1950 e il 1956) manda in frantumi i suoi sogni e quelli di un intero Paese: sparite le speranze, resta solo una realtà fatta di miseria. La delusione serve a farlo riflettere e mettere in dubbio tutto quello in cui credeva. E quando, il 23 ottobre 1956, scoppia la sommossa contro la dittatura comunista, il sedicenne Gábor perde ogni punto di riferimento: approva la rivolta, ma si sente sempre socialista. E lotta per creare un socialismo nuovo, democratico e liberale. Fino a quando i carri armati sovietici invadono Budapest e soffocano nel sangue la rivoluzione.

———————————————————————————————-

The Beautiful Game?: Searching the Soul of Football, by David Conn (Yellow Jersey Press, 2004)

Once, football proudly claimed to stand for passion, community, honour, even beauty. Today, football is about money. Its richest club, Manchester United, earned GBP175 million last year; yet since 1992 thirty-six of the Football League’s seventy-two clubs have been insolvent. The game is in danger of losing its lifeblood – and its soul. David Conn, the game’s most respected investigative journalist, sets out on a journey through the heart of our national game, exploring how the sport has failed – and who is to blame. Travelling to football’s every outpost, Conn interviews players, managers, chairmen and fans, building up a picture of a game mired in crisis. At its heart, football is a game deeply loved by millions. This is a book for those who keep the faith, who believe that the sport itself, stripped of the greed and self-interest blighting its organisation, still has values, and can still be beautiful.

———————————————————————————————-

The Football Business: Fair Game in the ’90s?, by David Conn (Mainstream Publishing, 1998)

In eight years English football has been transformed. In 1989 clubs were banned from Europe and the Hillsborough disaster exposed football’s crumbling grounds. Today football is cleaned up and is also big business. Since the Taylor report forced English clubs to spend #600 million rebuilding their grounds, and since Sky and the BBC put #1 billion into the game, serious businessmen have arrived in football, and have mostly been welcomed because of the money they were “investing” into the “long-term health of the game”. This book examines the transformation and asks is it still a game or a business?

———————————————————————————————-

Football Confidential 1 , by Ian Bent, Kevin Mousley, Peter Walsh etc. (BBC Books, 2000)

Football Confidential is a book which every football fan should read–if only to open their eyes to some of the real matters that continue to affect the game as we know it. BBC Radio 5’s On The Line documentary is famed for some of the shocking stories that it has unearthed in the world of sport, and this book contains the stunning findings of the team’s forays into the dark side of football. This book looks beyond the daily digest of glitz and glamour with which fans are constantly bombarded and delves into the grubby underbelly of the game. Revealed are the practices of clubs seeking out and signing up younger and younger talent, uncovered is the way agents make a quick buck by tempting footballers to Europe with promises of fame and fortune but dump them on the streets when they are not immediately snapped up. And exposed is the way innocent fans have been branded hooligans and placed on the intelligence blacklists. The book reveals much more than scandal, though. Its documentary style–essentially transcripts of the original radio broadcasts–is riveting to the last and provides well-sourced, carefully-researched information. What is certain is that those in the upper echelons of football with vested interests would have wanted to keep many of the revelations under wraps–and proves that the “Beautiful Game” has become as cold and clinical as any other business. The writers of Football Confidential have created a book that is worth its weight in gold to any self-respecting football fan.

———————————————————————————————-

Football Confidential 2: Scams, Scandals and Screw-Ups, by  David Conn, Chris Green, Kevin Mousley, Richard McIlroy (BBC Books, 2003)

Football Confidential 2: Scams, Scandals and Screw-Ups

After the huge critical acclaim that greeted Football Confidential, the On The Line team once again lifts the lid on the secret life of football. It may be the richest and most popular sport in the world, but beneath the surface lie untold stories of corruption, fear and fraud. Through exclusive interviews and original research, Radio 5 Live’s On the Line team exposes the managers who install their sons as chairmen of clubs they are banned from running themselves; the FA officials who saw in Hillsborough not a disaster, but a nice little earner for themselves; the criminals who see a match day as a money-launderer’s paradise. The On The Line team’s revelations have led to sackings, rule changes and Parliamentary debates, as they go behind the headlines to expose the real story of the Beautiful Game.

———————————————————————————————-

Foul!: The Secret World of FIFA: Bribes, Vote Rigging and Ticket Scandals, by Andrew Jennings (HarperCollinsWillow, 2006)

Andrew Jennings, an award-winning investigative sports reporter, spent four years delving into the dark side of ‘the beautiful game’. The result is this explosive and damning expose of the officials that run football’s world governing body, FIFA , now fully updated with the political fallout from World Cup 2006. No individual has managed to penetrate the sanctified domain of FIFA and probed successfully into its often criticized yet unproven corruption of the world game. Until now. Author Andrew Jennings argues how FIFA President Sepp Blatter and his associates have misappropriated their position at the head of the world game in their desire for power, control, and a lucrative pay-off. How did these bizarre characters manage to take such control? Foul! is the explosive story. Jennings has undertaken unprecedented research in Asia, Africa, Europe and the Americas, interviewing hundreds of officials and amassing an extraordinary library of damning documents. He tells how Blatter and his cronies built an invincible electoral machine to keep him in power forever. He revisits the 1970s and the privatization of international sport and its revenues by a close-knit group of officials and marketing agents working for their own self-interest. And he brings the story up to date with new disclosures about how Germany won the contest to stage the 2006 World Cup and the inside story on the dirty battle to host 2010.

Esiste anche in italiano (già nei reminders, a metà prezzo):

I padroni del calcio, ed. Piemme

“Il calcio è malato.” È il ritornello che rimbalza nella bolgia dei processi tv e nelle animate discussioni nei bar, negli uffici, nelle redazioni dei giornali. Ma Jennings ha speso quattro anni per squarciare il velo che nasconde il lato oscuro del “gioco più bello del mondo”. Ha seguito tracce e indizi, svolto indagini, raccolto documenti, inchieste giudiziarie, testimonianze, per giungere all’amara conclusione che, proprio come il pesce, anche il calcio “puzza della testa”. Il suo lavoro è un documentato atto d’accusa nei confronti dei vertici della Fifa, dei dirigenti sportivi, dei grandi sponsor.

———————————————————————————————-

Cherries in the Red: How One Football Fan Saved His Club and Became Its Chairman, by Trevor Watkins (Headline Book Publishing, 1999)

Early in 1997, AFC Bournemouth faced explusion from the Football League as receivers came in mid-season. City lawyer Trevor Watkins, a lifelong fan, offered to help the Board – not in the form of money – but with his expertise, enthusiasm and vision.
 
Una storia vera, raccontata in prima persona da chi ha costruito il primo Community Football Club inglese.
 
———————————————————————————————-
 
 The Ball is Round: A Global History of Football, by David Goldblatt (Viking, 2006)
 
The Ball is Round: A Global History of Football
 
In this extraordinary tour de force of a book, David Goldblatt describes the rise of football, from a chaotic folk ritual to a sector of the global-entertainment industry. It’s the story of players and managers, fans and owners, clubs and national teams; a chronicle of who won and who lost. But it’s also a history of states and markets, money and power. And, above all, how all these forces interact. It is a history which attempts to locate where the line between the realm of glory and the realm of power has been crossed, that celebrates the love of the game, but knows that it can be bought. Thus the book describes and accounts for the careers of Pele and Maradona, Puskas and George Best; the histories of the Wunderteam and the incomparable Hungarians, the anti-futbol of Estudiantes de la Plata and the futbol arte of Brazil 1970. It explores the cultural meanings and political uses of football in Peron’s Argentina, Adenauer’s West Germany, Stalin’s Soviet Union and Mussolini’s Italy. It ranges from the postcolonial politics of African football to the manufacturing history of the football boot; from the history of stadium architecture to the architecture of power in global football’s leading institutions.
 
Un librone di quasi mille pagine che ha avuto un grandissimo successo.
 
———————————————————————————————-
 
Calcio. 1898-2006. Storia dello sport che ha fatto l’Italia, di John Foot (Rizzoli, 2007) edizione originale Calcio: A History of Italian Football (HarperPerennial, new edition Aug 2007)

Questo libro è la lettera d’amore che un inglese indirizza al calcio italiano, ma è anche la testimonianza di un’indignazione per gli scandali, gli affari sporchi, la violenza e il razzismo degli ultras. È un’accurata storia delle squadre più gloriose, dei campioni più rappresentativi, delle filosofie di gioco, dei trionfi e delle cadute della Nazionale. È infine un’analisi approfondita di un secolo di storia italiana visto dalla prospettiva del calcio, in tutte le sue connessioni con i mezzi di comunicazione, l’economia, la politica, il carattere nazionale. Sorretto da una scrittura ricca di citazioni di maestri come Brera, Pasolini, Arpino, il libro di Foot aiuta a giudicare il calcio italiano per quello che è: non solo un gioco.

Gli italiani imparano qualche aneddoto e curiosità ma soprattutto si accorgono di come viene percepito all’estero il nostro calcio ed il nostro modo di vivere il calcio.
———————————————————————————————-

Stadio Italia. I conflitti del calcio moderno, AA. VV., a cura di Lorenzo Giudici e Silvano Cacciari (La Casa Usher, 2010)

Questo non è un libro sugli ultras, un testo sugli animali. Un libro sugli ultras è inevitabilmente destinato a fallire come qualsiasi fiction che pretenda di rappresentare la realtà. Qui cerchiamo di fare esattamente l’opposto, invertendo soggetto e oggetto. Questo è un libro sul calcio moderno: al centro dell’interesse sono i poteri e le istituzioni che governano il gioco, l’economia che lo ristruttura completamente, i conflitti che lo attraversano. E così una controinchiesta, una prima descrizione dei meccanismi di potere che, trasformando il calcio, trasformano ben più delle regole di un gioco. A scriverlo è innanzitutto chi negli ultimi anni ha vissuto sul campo queste grandi mutazioni, osteggiandole, e cogliendole nella loro complessità. La convinzione che accomuna gli autori è che lo stadio, nell’epoca del calcio moderno, sia lo specchio delle nostre città e dell’Italia intera: lo stadio non è solo un luogo di passione e intrattenimento, ma un luogo di comprensione del mondo. Vi si dispiega in forme rivelatrici la costruzione di un laboratorio sociale ed economico inedito, capace di spingersi al di fuori dei propri confini. Potremmo considerarlo un’officina del potere.

Gli autori svolgono le più diverse professioni. Alcuni insegnano e studiano le scienze umane. Molti di loro gestiscono quotidianamente i più importanti spazi di controinformazione sull’argomento esistenti in rete. Tutti hanno in comune una lunga frequentazione degli stadi italiani e più in particolare un’attiva militanza dentro le curve delle loro squadre.

Una raccolta di saggi coraggiosa ed appassionante su cosa significa oggi vivere lo stadio.

———————————————————————————————-

Barca: A People’s Passion, by Jimmy Burns (Bloomsbury, new edition 2009)

From the English businessmen who founded the club, through Cruyff, Maradona, Lineker, Venables, Robson and Ronaldo, FC Barcelona, European football giant and quintessential embodiment of Catalonian pride, has been built on the efforts of foreign mercenaries. In interview and analysis, Jimmy Burns uses the experiences of these outsiders as his own passport to the heart of the Camp Nou, returning with a hugely enjoyable history of the team and it’s fanatically nationalistic support. Unique among the world’s biggest clubs, Barcelona has stayed true to its origins as a quasi-democratic institution. It is effectively a private members club, made up of the 120,000 supporters whose subscriptions bankroll the team, but a sense of ownership extends across Catalonia itself. At the heart of the book is the struggle for this unique identity to survive the commercial colonisation of the sport.

———————————————————————————————-

Cuori tifosi. Quando il calcio uccide: i morti dimenticati degli stadi italiani, di Maurizio Martucci (Sperling  Kupfer, 2010)

Si chiamano Augusto, Giuseppe, Vincenzo, “Gabbo”, Antonio, “Spagna”, Celestino, “Cioffi”, Stefano, Mau… I loro nomi non sono famosi, ma per le “curve” a cui appartenevano sono scolpiti nella pietra, impossibili da dimenticare. Sono martiri, sono fratelli. Per la prima volta un libro racconta le storie di decine di uomini, donne e ragazzi morti di tifo. Uccisi nell’insensata guerra fra ultras, ammazzati da stadi colpevolmente fatiscenti (ricordate l’Heysel?), morti per tragica fatalità o per eccesso di repressione da parte delle forze dell’ordine. Un viaggio che inizia quasi cento anni fa, a Viareggio, quando Augusto Morganti fu ucciso da un carabiniere, e si conclude – o, per meglio dire, si interrompe – nel 2009 con il fatale incidente di Eugenio Bortolon, precipitato da una balaustra dello stadio di Parma. Cuori tifosi è il canto di dolore di tutti gli stadi italiani, in un Paese che vive di calcio e troppo spesso, purtroppo, di calcio muore. E che, soprattutto, fatica a ricordare.

Dello stesso autore, sullo stesso tema

11 novembre 2007. L’uccisione di Gabriele Sandri una giornata buia della Repubblica (Sovera Editore, 2008)

L’11 novembre 2007, poco dopo le nove del mattino, lungo l’Autostrada del Sole, il ventiseienne Gabriele Sandri viene ucciso da un colpo d’arma da fuoco esploso da Luigi Spaccarotella, agente della polizia stradale. Dopo un paio d’ore si diffonde la notizia della morte e i mass media si scatenano per coprire mediaticamente l’evento ed è un susseguirsi di dirette Tv, dibattiti, edizioni speciali dei TG e tavole rotonde. Il mondo del calcio, quello della politica e delle istituzioni entrano nel caos. Si parla di emergenza sociale: ovunque scoppiano focolai di rivolta, scontri, arresti, feriti, assalti alle caserme. Un giovane tifoso è stato ucciso, ma i media non chiariscono, né come, né per mano di chi.

Cuore tifoso. Roma-Lazio 1979. «Un razzo ha distrutto la mia famiglia» Gabriele Paparelli racconta (Sovera Editore, 2008)

Roma, Stadio Olimpico, domenica 28 Ottobre 1979, incontro Roma-Lazio. I coniugi Paparelli, giovani romani sostenitori biancocelesti, entrano in Curva Nord per assistere al derby. L’attesa spasmodica dell’ingresso in campo di squadre, il clima bollente delle tifoserie organizzate, i cori dei primi gruppi ultras, il rullio dei tamburi, gli striscioni al fulmicotone per gli avversari. A circa un’ora dal fischio d’inizio, dalla Curva Sud giallorossa vennero sparati in sequenza due razzi nautici ad alto potenziale. Volteggiarono in aria per oltre 200 metri, attraversando tutto il rettangolo di gioco. Il secondo razzo colpì mortalmente al volto Vincenzo Paparelli, 33 anni, padre di due bambini. Fu il primo caso in Italia di un tifoso morto in uno stadio di calcio. A trent’anni di distanza dalla tragedia, per la prima volta suo figlio Gabriele racconta insieme alla mamma Vanda come la loro vita sia stata spezzata per sempre da quel gesto sconsiderato. Una domenica di follia, una morte assurda, una storia incredibile. Ripercorsa tutta d’un fiato. Per non dimenticare.

———————————————————————————————-

La trilogia di Cristiano Militello

Giulietta è ‘na zoccola. Gli striscioni più esilaranti degli stadi italiani (Kowalski, 2004)

I cinquecento striscioni più divertenti di tutte le curve italiane, da San Siro al Tupparello. Un breviario per chi non si perde una trasferta. Un bignamino per chi vuole ripassare la storia del campionato più bello del mondo negli ultimi vent’anni, o per chi non sa niente di calcio (ammesso che esista qualcuno che non sa niente di calcio). Un affresco di storia, politica, costume e malcostume, musica, cinema, tradizioni, scritto e cantato dal genio ironico e dissacrante del ‘dodicesimo uomo in campo’.

Giulietta è ‘na zoccola. Tempi supplementari. 500 nuovi esilaranti striscioni (Kowalski, 2004)

“Giulietta è ‘na zoccola”, titolo deI 2004, continua la sua partita ai tempi supplementari, raccogliendo nuove perle inedite e materiale inviato dai lettori. Il goliardico affresco di storia, politica, costume e malcostume, musica, cinema, tradizioni, esposto negli stadi di tutta Italia dai tifosi più creativi e originali continua con altri cinquecento striscioni, battute, cori, scritte sui muri…

Giulietta è ‘na zoccola. Calci di rigore (Kowalski, 2004)

Il caso editoriale nato da Kowalski e approdato con successo in tv torna in libreria dopo due anni con una selezione dei migliori striscioni visti allo stadio e segnalati a “Striscia” dai fan di Militello. Tutta la genialità degli appassionati di calcio che impugnano i colori della squadra del cuore per sfidarsi a colpi di ironia trova nella nuova “Giulietta” un palco d’onore per il tifo goliardico, pulito, fatto solo di grande inventiva.

———————————————————————————————-

Modern Football Is Rubbish: An A-Z of All That Is Wrong with the Beautiful Game, by Nick Davidson and Shaun Hunt (Sportbooks, 2008)

Nick Davidson and Shaun Hunt are going through a midlife crisis as far as football is concerned. Now they’ve reached early middle-age they are wondering what has happened to the beautiful game. Where have all the muddy pitches gone?. They wallow in nostalgia for 3pm Saturday kick-offs and cup upsets and they rant against inflated egos, spiralling salaries and satellite TV. And they wonder about men in tights and gloves.

 

Modern Football is Still Rubbish: Slinging mud at what’s left of ‘the beautiful game’, by Nick Davidson and Shaun Hunt (Sportbooks, 2008)

Nick Davidson and Shaun Hunt were hoping that their first book Modern Football is Rubbish would put right all the ills of the present day game. But, amazingly the administrators at club and national level took no notice and the putrification of the beautiful game continued. So they are hoping that Modern Football is Still Rubbish will do what the first one coudn’t.

———————————————————————————————-

I libri sulla nascita ed i primi anni di vita del FC United of Manchester

An Undividable Glow: The First Ever Book on the Formation and First Season of FC United of Manchester

An Undividable Glow: The First Ever Book on the Formation and First Season of FC United of Manchester, by Robert Brady (Robert Brady, 2006)

Our Club Our Rules

Our Club Our Rules, by Peter Crowther (Lulu.com, 2007)

The story of FC United of Manchester: how it came about, why it came about and its importance for the future of English football.

FC United of Manchester – An Unofficial Guide to the North West County Years, by Micheal Beard (Authors online, 2007)

An A – Z of Football Club United of Manchester from their humble beginnings in smoky tension filled meeting halls through to their meteoric rise to the Northern Premier League following back to back promotions. A book filled with the history of the take over at Old Trafford with the anger and hatred at the Glazer family to the idea of forming a new team, a team that represented everything that Manchester United stood for all those years ago, a team that lived and breathed passionate football with equally passionate fans. A book filled with background information on the many players who have passed through the doors at Gigg Lane. A book of facts that represent the quality of the football played, the skills of the highly talented players involved and the numerous records that they have broken week in and week out and in turn have created. Two seasons and four trophies speak volumes!

———————————————————————————————-

Il mio nome é Nedo Ludi, di Pippo Russo (Dalai, 2006)

Estate 1989. Nel calcio italiano imperversa la guerra di religione fra Uomo e Zona. Nedo Ludi, stopper 28enne dell’Empoli reduce dalla migliore stagione della sua carriera, scopre che la sua squadra è stata affidata a un allenatore sacchiano. È l’inizio della sua fine. Come ogni stopper che stenti a adeguarsi alla Zona, Nedo si accorge presto di essere giudicato darwinianamente inadatto dal nuovo allenatore. Coglie anche di trovarsi dentro un mutamento che sta facendo del calcio una cosa a lui irriconoscibile, nel mezzo di un paese calato dentro la sua ultima, rampante ondata di modernizzazione. Animato dal mito della rivolta dell’uomo contro la macchina industriale, Nedo organizza una congiura contro la Zona. Sullo sfondo, l’appuntamento con la Storia per un’Italia alla ricerca di una vetrina internazionale come potenza economica di prima grandezza: i mondiali di Italia 90.Una storia stralunata e malinconica. Una galleria di personaggi grotteschi, pronti a mettere in gioco tutto tranne la dignità. Una vicenda che forse non è mai accaduta, o forse sì. Con un finale che è una trappola per il lettore. Il percorso del mutamento italiano nell’ultimo quindicennio come non ve l’avevano mai raccontato, letto attraverso l’unica chiave d’interpretazione davvero efficace: il calcio.

———————————————————————————————-

The Spirit of Wimbledon: Footballing Memories of the Dons 1922-2003, by Niall Couper ( Cherry Red Books, 2003)

A brand new history of football’s perennial underdogs, Wimbledon. Written and researched by Niall Couper, AFC Wimbledon’s matchday programme editor, it covers the Dons from their humble beginnings in 1922 right up to their present day incarnation as AFC Wimbledon in 2003. In 1977 Wimbledon Football Club were still a non-league club plying their trade in the Southern League… just over a decade later the club was in England’s top division and had won the world’s most famous knockout competition, the FA Cup, beating Liverpool in one of the greatest upsets Wembley had ever seen. Three years later the Dons were founder members of the Premier League. Thriving on their underdog status, they continued to defy the odds until 2000 when they were relegated. Then in 2002 an FA Commission granted Wimbledon permission to re-locate to Milton Keynes. It was an unprecedented move. The supporters were incensed and set up their own non-league club, AFC Wimbledon. Now, backed by the famous passion of the Dons, AFC Wimbledon are out to repeat history. This book tells the tale of the spirit that inspired it all from 1922 to 2003 through the eyes of the players, managers and supporters who were there. With over 100 exclusive interviews from the likes of Vinny Jones, John Fashanu, Robbie Earle, Dave Beasant, Dave Bassett, Bobby Gould, Dickie Guy, Kris Stewart, Wally Downes and Alan Cork; all the famous images, and some never before-seen pictures, The Spirit of Wimbledon is the definitive inside guide to the Dons.

———————————————————————————————-

Fit and Proper? Conflicts and Conscience in an English Football Club, by Matthew Bell and Gary Armstrong (Peakpublish, 2010)

 
This is the story of a football club that, in the 1990s, harboured the UK’s biggest white-collar fraudster. This same club was almost bought by someone who couldn’t decide whether to be a man or a woman. It also had as chairman a man subject to an international arrest warrant, then another chairman who remains to this day a fugitive from the law, who in turn was succeeded by a man with connections to Libyan arms dealers. To this ensemble make space for the Gurkha Regiment, Interpol, the ‘Rat Pack’, the Charing Cross Gender Identity Clinic, protein-rich algae, a collection of classic motor vehicles, 29,000 piles of dog excrement, a huge Indian city and a tiny Scottish village. Based on years of research by its two authors, Fit and Proper? details the history of the boardroom of Sheffield United Football Club, focusing particularly on the foibles of the men who over three decades from 1980 tried, and largely failed, to turn the ‘Blades’ into a profitable business and a successful club. Instead, the city that gave the game to the world is home to a club that has now become the footballing arm of an international property development company. Sometimes truth is stranger than fiction.
 
———————————————————————————————-
 
Family: Life, Death and Football, by Micheal Calvin ( Integr8 Books, 2010)
 
Family : Life, Death and Football
 
 
What is it like to win at Wembley? What happens behind locked dressing room doors? What makes a good football manager? What shapes a successful player? What turns a group of individuals into a team? What binds a football club to its fans? What good can football do in its community? Answers to these questions, and many more, can be found in Family: Life, Death and Football. Award winning sportswriter Michael Calvin offers a unique insight into a promotion season. He turned up for the first day of pre season training, and was on the substitutes bench at Wembley, 333 days later. It is an intimate portrait of a distinctive football club burdened by its history. That club happens to Millwall, but the pressures and problems they face make them Everyman FC. They operate in a parallel universe to the Premier League. There are no huge budgets, no hyper-inflated egos. The players are family men, close to their roots. They understand who they are playing for, and why it matters. They remind us of the humanity football is in danger of losing, as it worships empty celebrity and the quick buck. Calvin takes the reader into the dressing room, boardroom, and on to the streets. He reports from football’s front line. It is a book for the true fan, and the authentic football man.
 
———————————————————————————————-
 
 Taboos, Troubles and Trusts, by Rob Bradley (TUCANNboks, 2010)
 
 

A collection of short stories that touch on, tackle or tear apart some of the taboos and topics of football today: the challenges facing a female manager, how clubs trade legally… and illegally, the life of a gay footballer, the freedom of the press… or lack of it, being the unknown sibling of a famous player, the role of a fan elected on to a board of directors…

La recensione di Supporters Direct.

 
 
 
 
 
 
 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: