the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

Posts Tagged ‘community club’

L’FCUM taglia il traguardo: 1,6 milioni di sterline di community shares!

Posted by thepeoplesgame su 24 marzo 2012

Un modo migliore di fare calcio. Fedele al suo motto, l’FC United of Manchester indica ancora la via: nei giorni scorsi i “Red Rebels” hanno festeggiato qualche giorno fa un traguardo che a molti poteva sembrare impensabile, arrivando a raccogliere 1,6 milioni di sterline tramite le innovative community shares.

Ha di che esultare Andy Walsh, general manager, fondatore e anima dell’FCUM:

È un risultato fantastico, specialmente nell’attuale clima economico. Crediamo si tratti della più grande somma di denaro mai raccolta dai tifosi di calcio in modo indipendente.

La somma raccolta tramite le community shares contribuirà a coprire oltre un terzo dei 4,6 milioni necessari per il nuovo stadio di Moston, il primo di proprietà del club, un vero e proprio cuore pulsante per la zona: ospiterà non solo lo stadio ma anche varie infrastrutture per la comunità di riferimento. La riuscita delle community shares era cruciale: per ottenere gli altri finanziamenti per realizzare il progetto era necessario che l’FCUM potesse garantire 1,6 milioni di investimento proprio, una somma di rilievo, tanto più per un piccolo club.

Ed è esattamente nello “stile FCUM” non solo esserci riusciti, ma averlo fatto da pionieri della finanza sostenibile nel calcio, restando fedeli alla propria natura di club democratico pienamente immerso nella propria comunità di riferimento e radicato sul territorio.

Ha detto Andy Walsh:

Aver raccolto capitale tramite le community shares è uno sviluppo unico per il calcio inglese ed è stato riconosciuto come una reale alternativa al modo in cui il calcio è gestito e finanziato. I nostri azionisti avranno solo un voto a testa, a prescindere dal numero di azioni che possiedono, preservando così la proprietà comunitaria del club. Le community shares danno ai tifosi un modo tangibile per raccogliere significative somme di denaro mantenendo in club come patrimonio della comunità, preferibile al prestito dalla banche e più sostenibile dell’affidarsi a ricchi individui che non sempre potrebbero avere a cuore l’interesse del club. Acquistando le community shares, i membri dell’FC United sostengono un modo migliore di fare cacio per realizzare un genuino beneficio alla comunità – un club che è di proprietà dei suoi tifosi, che lo gestiscono, e che è impegnato nei confronti della comunità più ampia e dello sviluppo sociale e della sostenibilità finanziaria.

Citando l’articolo a riguardo (ottimo come sempre) su TwoHundredPerCent:

possiamo dire con un certo grado di certezza che il denaro è stato raccolto dalle giuste persone, per le giuste ragioni e per un progetto che non potrebbe essere in mani più sicure.

L’annuncio del taglio del traguardo, circa un anno e mezzo dopo il lancio dell’iniziativa, è il giusto premio per tanto duro lavoro su diversi fronti, ma anche per una visione nuova e suggestiva, ed un’ottima notizia non solo per i soci dell’FCUM, ma anche quelli degli altri community club, per gli iscritti ai supporters trust di tutta Europa, per i tifosi che credono che un altro calcio sia possibile.

Un paio di dichiarazioni di chi ha contribuito a questa splendida storia:

Kevin Jacquiss della Cobbetts LLP, che ricevuto un premio internazionale per il suo lavoro con le community shares:

Il modello a beneficio della comunità che c’è dietro il’FC United dimostra come pensare in modo innovativo possa offrire modi alternativi e di successo di realizzare servizi pubblici. Siamo felici di aver lavorato con l’FC United a questo progetto e non vediamo l’ora di seguire i progressi del loro nuovo stadio e delle strutture per la comunità nel prossimo anno.

Tom Hall, portavoce di Supporters Direct:

L’FC United ha dimostrato ancora una volta cosa può succedere quando i tifosi di calcio si mettono insieme e cooperano per raggiungere un obiettivo. Le community shares forniscono ai club di proprietà dei tifosi un metodo dal valore incalcolabile non solo per raccogliere fondi e costruire nuove strutture sportive, ma anche per avere un impatto positivo e duraturo sulle comunità che li circondano, rimanendo al tempo stesso fedeli ai loro principi di democrazia e sostenibilità. Supporters Direct si congratula con l’FC United per questo grande successo, e augura loro il meglio nella nuova casa.

Congratulazioni all’FCUM per questo importantissimo risultato, e per aver ancora una volta dimostrato che si può, con passione, impegno, rispetto.

 

 

Posted in Dall'Europa, Filosofia dei trust | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

In praise of… AFC Wimbledon

Posted by thepeoplesgame su 24 maggio 2011

Riporto l’editoriale del Guardian

It’s the story of a small group of people who, despite all discouragement, did what was right and, nine years on, have triumphed

It’s a football event, but the appeal goes wider than football: it’s the story of a small group of people who, despite all discouragement, did what was right and, nine years on, have triumphed. In May 2002, a tribunal approved the removal of Wimbledon football club from south-west London, where the club had been based for 113 years, to Milton Keynes, a 125-mile round trip away in Buckinghamshire. A band of refuseniks, led by Kris Stewart, the founding chairman, and Ivor Heller, still the commercial director, resolved to go beyond protest and create a new real club “formed by the fans, owned by the fans, and run by the fans”. Solid, rational people said it could not be done; even the Wimbledon News warned the project was doomed. Yet 230 would-be players turned up for trials on Wimbledon Common, a rudimentary team was assembled, and their first friendly attracted a crowd of 4,600. So began that steady progress up from the Seagrave Haulage Combined Counties League which culminated on Saturday in a play-off victory that takes them into the Football League. The stars of the early days were soon discarded as aspirations grew, but it’s still been done on a marginal budget, latterly under the guidance of Terry Brown, who – until the winning penalty went in on Saturday – was rated as the best of non-league managers. The dream of returning to Wimbledon has yet to be realised, but in all other senses it’s mission accomplished. It’s the disbelieving Wimbledon News that has gone out of business.

Posted in Dall'Europa | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Belgio, i tifosi ribelli fondano il SK Beveren

Posted by thepeoplesgame su 20 maggio 2011

Anche il Belgio ha la sua prima squadra fondata dai tifosi, ripartiti da zero come risposta ad una decisione che sulla loro squadra era caduta dall’alto(cioè da proprietari e politici) senza consultare la tifoseria e senza rispettare l’identità e le tradizioni del club. Si tratta dall’SK Beveren, che dalla prossima stagione inizierà la propria avventura calcistica nella quarta serie, a livello provinciale, giocando appena fuori la città di Beveren. Finalmente, dopo un anno senza calcio per tanti sostenitori, utilizzato per mettere su il primo club democraticamente gestito dai tifosi, mentre nel loro stadio, dallo scorso campionato, gioca la squadra nata dalla fusione tra la loro squadra,il KSK Bevern, ed una piccola realtà locale, il Red Star Waasland. Un’operazione basata su logiche politiche e di business, legate alle attività edili e commerciali, come nel caso del trasferimento del Wimbledon a Milton Keynes. Non a caso sia l’AFC Wimbledon che il FC United of Manchester sono stati di grande aiuto, sia morale che tecnico e pratico, ai tifosi del Beveren, che non hanno accettato la fusione, un’eventualità purtroppo tutt’altro che rara nel calcio belga, sempre più disastrato.

Il KSK Beveren ha avuto il suo momento d’oro nel 1979, quando nella Coppa delle Coppe eliminò l’Inter ai quarti e poi perse di misura contro il Barcellona in semifinale. In generale, ha avuto buoni risultati a livello nazionale ed europeo fino ai primi anni ’90, ma un inesorabile declino l’ha portato alla retrocessione in terza divisione alla fine della stagione 2009/10. Ora lo spirito del club rivive nel piccolo SK Beveren, che si prepara al debutto sul campo. Buona fortuna!

Posted in Dall'Europa, Supporters Direct Europe | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: