the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

Il Sole 24 Ore: coinvolgere i tifosi nella governance, ma quelli con la tessera!

Posted by thepeoplesgame su 9 agosto 2011

Lo stato di salute del calcio italiano, in particolare nelle serie minori, è preoccupante, il modello del benefattore, o del mecenate come ancora lo si chiama in Italia, mostra tutte le sue crepe e non è più sostenibile, serve un modello di governance che coinvolga il territorio: sarebbe condivisibile ed apprezzabile questo articolo uscito domenica sul Sole 24 Ore, se non fosse per quelle quattro paroline tra parentesi che fanno precipitare all’istante  l’opinione a riguardo: dopo i tifosi da coinvolgere sono “quelli con la tessera”. E certo: non c’è altro modo per riconoscere i sostenitori responsabili. Del resto, la proposta non è nuova: era già nel libro “La ripartenza”, di cui è coautore Michele Uva, una delle firme anche del pezzo sul Sole. Quanto si è lontani dal conoscere e capire chi sono realmente i tifosi di calcio! L’unica soluzione per accreditare quelli “buoni”, degni, meritevoli di prendere parte alle decisioni sulla vita del loro club è che abbiano chiesto il permesso della Questura per entrare allo stadio, mettendo nel portafogli una nuova carta di credito. È proprio vero, i tifosi sono visti solo come una enorme massa di clienti da sfruttare o come delinquenti. Non conta che siano capaci, come dimostrano i primi supporters’ trust italiani e le centinaia di gruppi in Europa, di organizzarsi in enti democratici, non profit, inclusivi, senza alcun interesse se non il bene del loro club e la sua presenza piena nella comunità di riferimento. L’importante è avere in tasca la tessera del tifoso, qualcosa per cui dall’estero, da Paesi evidentemente più civili del nostro, sono arrivate condanne unanimi e che è stato un palese fallimento agli occhi di tutti (tranne che di chi l’ha inventata).

Tornando all’articolo, da segnalare anche un errore sulla regola del 50%+1 in Germania: quello che deve rimanere in mano al club-associazione, e quindi ai tifosi, è il 50%+1 (e non il 51%) dei diritti di voto e non della proprietà, aspetti che non devono necessariamente coincidere.

Un altro appunto: non tutte le società escluse dalla Lega Pro, né quest’anno né in quelli precedenti, sono fallite: alcune sì, altre probabilmente lo saranno a breve, ma non essere iscritte ai campionati di Lega Pro non equivale al fallimento, che è una vicenda giuridica di altro tipo.

Una Risposta to “Il Sole 24 Ore: coinvolgere i tifosi nella governance, ma quelli con la tessera!”

  1. thepeoplesgame said

    il commento sul sito di Sosteniamolancona

    E certo, finalmente l’idea geniale è spuntata anche fra il fior fiore dell intellighenzia “de noaltri”, è ora di cambiare “governance” al calcio e come farlo se non attraverso la partecipazione del territorio? http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2011-08-07/calcio-occorre-governance-aperta-081328.shtml?uuid=AaAp6VuD

    Per carità ognuno può esprimere ogni idea che gli passi per la testa liberamente, (oggi sembra essere questa la sintesi della democrazia perfetta), pero crediamo che non solo concetto sia errato (GOVERNANCE? cioè controllo amministrazione ed utilizzo delle risorse? e da parte di chi di grazia?) ma anche e vistosamente tempi e modi.

    In questi giorni stiamo vivendo (e non abbiamo visto niente, perlomeno qui a Banania) i primi effetti della “GOVERNANCE” imposte dall’alto dai numerosi scienziati e luminari (…) dell economia mondiale e delle scienze sociali, e non paghi di questo, qualcuno vuole ripetersi nel calcio.

    Un calcio che diciamolo, è in agonia come e forse più, di tutto cio che lo circonda, forse perche fatto della stessa pasta di ciò che lo circonda.

    Se si puo prendere un esempio od uno spunto per carità continuiamo a prendere quelli sbagliati o nella maniera sbagliata quello che ci viene proposto.

    All estero cominciano a far partecipare i tifosi alla gestione i club? Bene qui da noi facciamo partecipare i sindaci, i comuni, magari qualche prefetto.

    In Germania i tifosi hanno il 51% ? (Sarebbe meglio informarsi un po meglio e le possibilità cari genii non mancano) bene provvediamo anche qui a fare entrare nei club i meritevoli tifosi o cittadini che possono permetterselo attraverso la fidelity-governance-card.

    E certo in un paese dove tutto è possibile compreso governare o stare in parlamento nonostante 400 processi o c’e un evasione fiscale che bisogna farci la pubblicità progresso, chi volesse essere socio di una squadra di calcio dovrebbe avere un curriculum equivalente ad un concorso per il CSM (ancora per un po)

    Anzi no hanno proprio ragione, prendiamo spunto da Firenze dove c’e il più alto tasso di tessere del tifoso vendute d’Italia a coloro che di calcio non ne vogliono sentire parlare, e già se no come facevano a garantirsi i tassi per il mutuo più conveniente ?

    Esatto, niente.

    L’unica tessera che ci serve è quella per partecipare e votare alla vita del nostro club attraverso l’associazione che rappresenta i nostri tifosi, ed è esattamente come dovrebbe essere in una democrazia seria, libera, partecipata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: