the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

Scommettiamo? di Stefano Faccendini

Posted by thepeoplesgame su 1 giugno 2011

Se ne sentiva la mancanza. Un altro scandalo, altre rivelazioni su partite truccate, risultati decisi, giocatori addomesticati ma questa volta con un tocco di classe in più, calciatori drogati attraverso somministrazione di calmanti nelle loro bibite. Fantastico, è la realtà che supera di gran lunga la fantasia.

Mentre a Napoli siamo in dirittura d’arrivo per il processo a Luciano Moggi, si spera, ecco che si apre un’altra pagina giudiziaria che ha sul banco degli imputati il nostro calcio. Lasciamo stare le miserie umane di chi non trova altro modo per arrotondare il suo stipendio, la sua cupidigia o i suoi vizi. Io parlo del sistema. In quanti spenderanno due minuti a pensare alle migliaia di tifosi presi per il culo per l’ennesima volta? Pochi, ve lo dico io, perchè la maggior parte segue la Serie A, si vede la Champions League, aspetta Europei e Mondiali per accomodarsi davanti alla televisione anche l’estate. Basta che non siano coinvolti i grandi nomi, del resto chi se ne frega. In fondo Moggi mica li pagava gli arbitri, faceva solo gli interessi del suo club come tutti gli altri che però sono stati più furbi e non sono stati intercettati. Calciopoli non ha visto pratiche di corruzione vera e propria, in fondo in fondo forse la cosa è stata ingigantita. Il tempo azzera tutto, anche Mani Pulite da molti è stata etichettata come un accanimento giudiziario contro una pratica comune, quelle delle mazzette, sempre in voga in Italia. E lo stesso penseranno le decine di professionisti, del calcio o no, indagati questa volta. Si sa che Lega Pro, Serie D e anche Serie B sono corrotte, che molte partite sono aggiustate quindi perchè prendersela con questo gruppetto quando molti altri continuano indisturbati?

E così il marcio dilaga, la corruzione mette le radici, la disonestà diventa la norma. La Serie A, e le sue società di vertice ancora di più, reclamano più soldi. Il resto del calcio viene lasciato con le briciole, le televisioni non hanno nessun interesse per la B figuriamoci per la Lega Pro. Non c’è voglia di aiutare nessuno ma soltanto una ferrea regola di selezione naturale basata sull’egoismo e l’avidità.

Ci aspetta un’altra estate di fallimenti, di ripescaggi, di penalizzazioni. E in tutto il paese gli stadi si svuotano. Perchè molta gente si chiede, incredibilmente anche giornalisti o persone del settore. Ma come perchè? Ma se devo pagare per andare a vedere una competizione che, a meno che non si tifi per quelle tre o quattro squadre, non ho nessuna possibilità di vincere, se ho dubbi costanti sulla regolarità dello svolgimento delle partite visto che gli addetti ai lavori (arbitri, giocatori, assistenti, dirigenti ecc) continuano ad essere colti con le mani nel sacco, se non riesco neanche a parcheggiare vicino lo stadio, a comprare il biglietto il giorno della partita, a portare mio figlio se prima non lo schedo, a far entrare un fumogeno, un tamburo, un megafono o uno striscione ironico se prima non chiedo autorizzazione alla questura, scusate, ma chi c.zzo me lo fa fare?

Però la colpa degli stadi vuoti a sentire molti esperti, dal Viminale in giù, era degli utras, degli incidenti. Il “bello” è che mentono sapendo di mentire come quando definiscono la TdT un successo e sbandierano la loro crociata contro il tifoso comune come lo strumento per riportare le famiglie allo stadio. Buffoni.

I tifosi, violenti o no, ne hanno semplicemente piene le tasche, per non dire un’altra cosa, di questo calcio e si rischia di far diventare violenti per disperazione anche quelli che non lo sarebbero di natura. Siamo la parte centrale dell’ingranaggio ma veniamo presi per il culo da tutti. Nessun rispetto, nessuna attenzione nè da parte delle società, nè da parte dei giocatori, nè da parte delle autorità, nè da parte dei media.

Accendo un fumogeno e mi prendo un daspo di cinque anni, mi vendo una partita e che succede?

Niente, scommettiamo?

Stefano Faccendini

2 Risposte to “Scommettiamo? di Stefano Faccendini”

  1. […] da thepeoplesgame su 1 giugno […]

  2. Terry Daley said

    Great post

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: