the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

“Not in the wider interest of football”

Posted by thepeoplesgame su 25 maggio 2011

“Non nell’interesse più ampio del calcio”. Quando nel maggio 2002 Kris Stewart, a capo dell’associazione dei tifosi del Wimbledon WISA, e futuro primo presidente dell’AFC Wimbledon, disse ai tre “giudici” che dovevano decidere che, in caso di trasferimento del Wimbledon a Milton Keynes, per i tifosi il vecchio club sarebbe stato come morto e ne avrebbero fondato un altro, ripartendo da qualsiasi categoria fosse stato possibile, si sentì rispondere con una frase diventata famosa e che certamente è rimasta ben impresa nella mente dei tifosi dell’AFC Wimbledon in questi nove anni:

“Resurrecting the club from its ashes as, say, ‘Wimbledon Town’ is, with respect to those supporters who would rather that happened so that they could go back to the position the club started in 113 years ago, not in the wider interests of football.”

Aha. Spero se la siano rimangiate milioni volte questa affermazione, ma se hanno fatto quello che hanno fatto, probabilmente non sono sono il tipo.

Ad approvare il furto della squadra furono Steven Stride direttore operativo dell’Aston Villa, e Raj Parker, allora vicino al segretario della FA, oggi nel giro della Premier League. Il terzo giudice, Alan Turvey presidente di una lega minore, la Ryman League, non ha mai confermato, ma nel 2-1 fu lui a votare contro il trasferimento, tanto che poi si è congratulato con i tifosi per il nuovo club.

A smentire clamorosamente gli altri due, che hanno deciso le sorti di una squadra e della comunità dei suoi tifosi in un modo che chi ama il calcio si augura di non vedere mai più, c’è il piccolo grande paradiso dell’AFC Wimbledon, c’è l’aria incredibile che si respira a Kingsmeadow.

Lo ha scritto benissimo, come sempre, David Conn sul Guardian:

Being a battering ram for Asda-Walmart in Milton Keynes was a fitting fate for Wimbledon, but supporters resurrecting the club, volunteering to see it flourish, coming together, wanting only to watch their team somewhere close to where it has always played, singing the old cup final song to connect them with the club’s past, none of that would be “in the wider interests of football.”

Questo ieri. Ma è bello anche andare a ripescare le sue parole in occasione della prima partita dell’AFC Wimbledon:

Kingsmeadow Stadium, South London, Wednesday night, a football ground packed with over 4,000 people on the brink of tears. Two thousand souls locked out, clamouring to be part of it. A team and manager desperate to win for the fans, whose hearts had been mended by seeing the first ever home match of their new club, AFC Wimbledon, in the Combined Counties League. A chairman, with a lump in his throat, saying it was all about community, and supporters. All of this is “not in the wider interests of football” according to the Football Association commission which approved the move by Wimbledon FC – now derided by supporters as “Franchise FC” – to a stadium due to be built in Milton Keynes.

Poche cose sono nell’interesse più ampio del calcio come questo Wimbledon!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: