the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

1976, Sollier già scriveva di modelli partecipativi

Posted by thepeoplesgame su 10 novembre 2010

Nel 1976, nel suo libro “Calci, sputi e colpi di testa”, Paolo Sollier, attaccante del Perugia promosso in serie A e tra i primi calciatori politicizzati ed impegnati nel sociale, proponeva, come soluzione per restituire al calcio la sua natura sociale, una gestione diversa dei club, con la partecipazione dei tifosi ed un ruolo di primo piano per le istituzioni locali.

Scriveva Solllier: “Tu contesti questo calcio” mi dicono “ma cosa proponi? Come strutturare il baraccone? Come condurre le società calcistiche?” Certo non esistono magie per risolvere tutto subito, però si può ripulire qualche sentiero. Prima cosa basta con i presidenti mecenati che fanno disfano e distruggono a loro piacimento. La struttura di una società di calcio non può dipendere dagli umori e amori di un riccastro: la trasformazione in società per azioni è stato un passo importante, e a capo di questa società ci deve essere un tecnico, non un qualunque miliardario. Uno stipendiato che riceve un mandato e deve rendere conto a un consiglio di amministrazione. In questo consiglio dovrebbero esserci, oltre ai normali azionisti, i rappresentanti dei tifosi e degli enti locali. Sollier lo considera un primo passo: “Più in là la società di calcio potrebbe addirittura entrare nel bilancio del Comune, come succede per i teatri stabili (però funzionando un po’ meglio). A capo di queste società un funzionari o comunale, e i giocatori che diventano dipendenti dell’ente locale, risolvendo così il problema del “dopo”.” Una visione difficilmente realizzabile, ma dettata da motivazioni sociali: “Questo permetterebbe di ridurre gli assurdi guadagni dei calciatori professionisti, dando però in cambio una sistemazione ed una collocazione sociale. Inoltre, eviterebbe allo sport di diventare una palestra di qualunquismo ed individualismo, un’isola a parte.” Il cambiamento del mondo del calcio si sarebbe inserito in uno più generale: “Chiaro che queste trasformazioni non avverranno da sole, ma seguiranno una trasformazione della società.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: