the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

Barcelona, l’assemblea generale contro l’ex presidente Laporta. Le lezioni della democrazia

Posted by thepeoplesgame su 27 ottobre 2010

La notizia, di qualche giorno fa, è davvero grossa, ed in Spagna è ancora sulla bocca di tutti. L’assemblea generale del F.C. Barcelona ha preso una decisione storica, per la prima volta nella storia del club blaugrana: verrà intrapresa un’azione legale di responsabilità nei confronti dell’ex presidente Laporta per i negativi risultati finanziari della sua gestione.

Al momento di lasciare la presidenza, Laporta aveva parlato di un profitto di circa 11 milioni di euro, ma il bilancio ha evidenziato una perdita di 48 milioni durante i sei anni del suo mandato. Non solo: la situazione finanziaria del club si è indebolita, con debiti per circa 500 milioni di euro rispetto ad un budget annuale di più di 400 milioni. Molto dipenderebbe da una campagna acquisti negativa, su cui ha pesato non poco il disastroso affare Ibrahimovic, ma sono sospettate anche le ambizioni politiche di Laporta.

La discussione è stata lunga e ricca di argomenti, sia a favore del sì che del no, ed ha diviso i membri dell’Assemblea Generale, come mostrano i numeri: 468 voti in favore, 439 voti contrari, 113 astenuti. Tra questi ultimi anche il presidente Rosell, che ha lasciato ai membri del direttivo la libertà di scegliere come meglio credevano, secondo il principio della responsabilità personale. Così come aveva fatto il dirigente Murtra con Guardiola al momento di affidargli la prima squadra, prima del voto il Presidente ha chiesto di pensare al Barça, ovvero solo al bene del club, lasciando da parte ogni tipo di sentimenti e questioni personali. “E’ una decisione sociale altamente importante nella storia del club” ha detto Rosell. “Personalmente sto passando un brutto momento per tutto ciò.”

Un altro discorso sono le questioni finanziarie ed i motivi di questa situazione infelice. Quello che fa pensare, invece, è che molti club, importanti o meno, si trovano in acque anche ben peggiori, ma i loro tifosi non hanno la possibilità di intraprendere un’azione legale contro i dirigenti (e i proprietari), che li metta di fronte alle loro responsabilità per i risultati di bilancio e quindi per i danni nei confronti di un interesse collettivo (in quanto, ovviamente, in forma di bene privato). Due casi, i più eclatanti del momento, sono quelli di Manchester United e Liverpool. (qui David Conn sulle ultime news). Per chi occupa certe poltrone al Barcelona invece non c’è modo di nascondersi, neanche per un presidente vincente come Laporta, che oltretutto aveva guidato la campagna anti Nunez, restituendo al club la prorpia identità che era stata minata dalla precedente gestione.

La struttura democratica del Barça ha un impressionante potenziale democratico, che in questa circostanza è stato ampiamente dispiegato, per una decisione anche clamorosa, per quanto perfettamente legittima. E che si tratti davvero di democrazia lo dimostra lo scarto minimo tra i voti a favore e quelli contrari e l’appassionato dibattito tra i sostenitori del sì e quelli del no.

Allo stesso tempo, però, quanto è successo al Barcelona offre altro su cui riflettere. Con la struttura partecipativa per cui il club catalano è famoso in tutto il mondo dovrebbe anche essere più difficile che si arrivi a situazioni critiche, tramite un costante controllo sull’operato del direttivo e la possibilità di adottare contromisure come ad esempio il voto di sfiducia. Evidentemente questo controllo non è stato esercitato in modo efficace, per ragioni, forse legate al desiderio di successi sul campo, che da qui non è facile avere chiare. La lezione invece lo è: vigilare ed essere sempre proattivi, in modo da proteggere il proprio club, tanto più quando si ha la possibilità di incidere davvero sulle vicende societarie. Qualcosa che tutti i tifosi vorrebbero e per cui tanti lottano duramente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: