the People's Game

  • I support SD

    I support SD
  • Supporters Direct

    Supporters Direct
  • Football Supporters Europe

    Football Supporters Europe
  • Venezia United

    Venezia United
  • Sogno Cavese

    Sogno Cavese
  • sosteniamolancona

  • MyRoma

    MyRoma
  • paperblog

Supporters Direct, un paper con le raccomandazioni per l’UE

Posted by thepeoplesgame su 22 settembre 2010

Supporters Direct ha preparato, su richiesta delle istituzioni dell’Unione Europea, un documento (testo completo, in inglese) in cui suggerisce varie azioni da intraprendere per implementare la parte del nuovo Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea dedicata allo sport. SD ha accolto favorevolmente la competenza dell’UE per quanto riguarda lo sport: la tensione tra la funzione sociale e sportiva e gli aspetti economici deve essere affrontata sulla base della specificità che lo sport merita e necessita.

Come già riportato nel Libro Bianco, il riconoscimento di nuovi stakeholders pone nuove questioni riguardo governante, democrazia e rappresentazione di interessi nell’intero movimento calcistico.

Il focus del paper di SD è sul ruolo sociale del calcio e dei singoli club, sul riconoscimento della posizione dei tifosi come principali stakeholders e quindi sul loro coinvolgimento nei processi decisionali e sulla loro partecipazione al direttivo del club attraverso rappresentanti eletti.

I suggerimenti per le istituzioni europee affrontano questi temi da più angolazioni, dalle strutture proprietarie allo spirito democratico dei cittadini dell’intero continente ai sistemi di licenze per i club al volontariato alla prevenzione della violenza.

Il tutto in linea con quanto previsto dalla Dichiarazione di Nizza, dall’Independent European Sports Review e dal Libro Bianco sullo sport.

Ecco nei dettagli la visione di SD e le azioni raccomandate.

GOVERNANCE

L’inclusione dei tifosi come stakeholders porta una nuova prospettiva dell’intera governante delle società di calcio. uno o più rappresentati dei sostenitori nel direttivo del club apporta benefici alla stabilità finanziaria e maggiore trasparenza nel comportamento dei dirigenti.

Sono sempre di più i tifosi che se ne rendono conto e cresce il numero delle organizzazioni di supporters che vogliono cercare di assicurare alla loro squadra un futuro stabile e sostenibile, sia come business che come club vicino alla propria comunità.

Azioni:

L’UE dovrebbe avere un ruolo attivo nell’incoraggiare ulteriormente la condivisione di best practice nello governance dello sport.

Dovrebbe inoltre contribuire a sviluppare una raccolta comune di principi di good governance nello sport, come ad esempio trasparenza, democrazia e responsabilità, che deve includere il principio della rappresentazione dei tifosi. Dovrebbe farlo nel rispetto dell’autonomia e della diversità dello sport, considerando le esigenze di tutti gli stakeholders.

PROMOZIONE DELLA DEMOCRAZIA NEL CALCIO ATTRAVERSO IL COINVOLGIMENTO DEI TIFOSI

L’inclusione dei tifosi aumenta le opportunità per gli stakeholders di partecipare e contribuire in modo significativo ai processi decisionali, migliorando la governante e rafforzando i rapporti con la comunità di riferimento dei vari club.

La democrazia funziona meglio quando esercitarla è la norma è un’opportunità irregolare, e richiede ai cittadini di prendere coscienza della loro identità collettiva e di lavorare insieme per il bene comune.

SD crede che rendere più democratico il mondo del calcio tramite il coinvolgimento dei tifosi aiuterà i cittadini a crescere in questo senso e quindi a cementare la democrazia in Europa.

Azioni:

L’UE dovrebbe continuare a dedicarsi alla mancanza di democrazia nel calcio e contribuire a rafforzare i valori della democrazia tramite il coinvolgimento dei tifosi nei processi decisionali dei loro club, ma anche, quali uno dei principali stakeholders, tramite il loro coinvolgimento in altri livelli del sistema calcio.

PROPRIETÀ

Analizzare e comprendere i diversi modelli proprietari dei vari Paesi europei, dalla società di capitali all’associazione, ha portato molti tifosi a desiderare che la struttura dei club rifletta il loro status di istituzioni culturali no profit, i cui avanzi di gestione vengano reinvestiti nell’attività sportiva o a beneficio della comunità.

Azioni:

Le istituzioni dell’UE dovrebbero promuovere i benefici di strutture proprietarie democratiche nel calcio, dove gli interessi dei club, dei tifosi e delle comunità di riferimento sono significativamente allineati. L’affermazione di trasparenza, responsabilità e sostenibilità fa parte del codice delle società di calcio.

Ci sono già forme legali europee per società di capitali e cooperative. Crediamo che l’UE dovrebbe   provvedere ad una “sport club-company”, ovvero una forma legale che sia ammissibile in ogni Stato membro, il cui statuto rifletta i valori della good governance e dell’integrazione degli stakeholders ed in cui siano incorporati obiettivi orientati alla comunità per garantire che siano perseguiti scopi più ampi.

L’UE dovrebbe inoltre esplorare nuove vie per promuovere le cooperative di tifosi che sono proprietarie d club sportivi come parte dell’Anno della cooperazione (e delle cooperative) stabilito dall’ONU per il 2012.  

VALORE SOCIALE DELLO SPORT

Azioni:

La Commissione Europea dovrebbe finanziare la ricerca  per creare una base di prove a supporto dell’importanza sociale del calcio in Europa. Come parte della ricerca dovrebbero essere incoraggiati il calcio e lo sport in generale per evidenziare le loro funzioni e significatività sociali.

Inoltre, si dovrebbe provvedere affinché le autorità sportive nazionali richiedano alle società calcistiche di rendicontare il loro impatto sociale.

VOLONTARIATO

I volontari portano un enorme contributo allo sport, dalla base fino alla vetta della piramide del modello sportivo europeo. La maggior parte delle persone coinvolti nelle organizzazioni dei tifosi lo è in maniera del tutto volontaria, così come lo sono i tifosi che partecipano all’attività dei club anche professionistici.

Nel complesso, i tifosi rappresentano una grandissima forza potenziale di volontariato e di cittadinanza attiva, che dovrebbe essere rappresentata e fattivamente coinvolta dai club.

Tra i problemi principali delle organizzazioni di tifosi basate sul volontariato ci sono la mancanza di fondi e di riconoscimento, sia dalla istituzioni nazionali che dagli altri stakeholders.

Azioni:

Il 2011 sarà l’anno del volontariato e questa sarà un’occasione per promuovere l’attività e le organizzazioni di volontariato attraverso gli Stati membri. Le istituzioni dell’UE dovrebbero fa crescere la conoscenza e promuovere l’importanza generale del volontariato nello sport per migliorare la collaborazione e la cooperazione tra le organizzazioni di volontariato, i governi e gli altri stakeholders, e ridurre gli ostacoli legali e finanziari per le attività di volontariato.

L’UE dovrebbe fornire opportunità di creare network per condividere e scambiare  esempi di good pratice tra le organizzazioni di volontariato formate da tifosi.

Dovrebbe riconoscere il lavoro di Supporters Direct nell’incoraggiare lo scambio di idee ed esperienze tra i gruppi di tifosi di nazioni diverse e nel promuovere attivamente l’utilizzo di tifosi come volontari presso i rispettivi club.

 FINANZIAMENTI

Relativamente a quanto detto sul valore sociale dello sport, deve essere riconosciuta la necessità di finanziamenti per le organizzazioni basate e sul volontariato, contribuendo così a massimizzare l’utilità del tempo donato dai volontari.

Azioni:

Suggeriamo uno speciale programma di finanziamento per lo sport che prenda in considerazione la speciale natura dello sport ed in particolare i tifosi quali stakeholders riconosciuti.

Opzioni di finanziamento dovrebbero essere considerate in particolare per progetti e organizzazioni che migliorano la governance, la democrazia e la partecipazione nel calcio e nelle loro comunità, e che

Dovrebbero essere considerati i vantaggi del fornire supporto finanziario per incoraggiare lo scambio culturale tra gruppi di tifosi di tutta l’UE.

LICENZE

SD sostiene la decisione di introdurre il Fair Play finanziario nelle prossime stagioni calcistiche come base per la concessione delle nuove licenze Uefa volte a migliorare la governante del calcio.

Azioni:

Le istituzioni europee dovrebbero focalizzarsi sulla promozione e l’incoraggiamento dell’uso e dell’adempimento dei sistemi di licenza.

Suggeriamo inoltre che venga promossa l’implementazione della rendicontazione sociale e della rappresentanza dei tifosi all’interno dei sistemi di licenza nello sport.

DIALOGO

Strutturato – Il trattato invita esplicitamente alla collaborazione tra gli organi che gestiscono lo sport.

Sociale – Dal 20008 un comitato per il dialogo sociale (formato da rappresentanti di Uefa, FifPro , ECA e EPFL) ha operato nello sport professionistico occupandosi di questioni minori.

Azioni:

Dialogo strutturato

 Il dialogo tra l’UE e gli stakeholders dello sport dovrebbe sottolineare la centralità dei tifosi formalizzando l’inclusione nel dialogo strutturato degli organi che li rappresentano.

Dialogo sociale

La funzione economica dello sport conduce al dialogo sociale tra lavoratori e datori di lavoro, e la dimensione sociale dello sport è riconosciuta dall’inclusione dell’Uefa come organismo guida del calcio. Comunque, ci si dovrebbe dedicare alla funzione culturale, tramite il coinvolgimento dei tifosi  come attori con un interesse legittimo nell’argomento e risultati del processo di dialogo sociale

Il comitato per il dialogo sociale dovrebbe estendere il suo campo di responsabilità e dovrebbe occuparsi di altri temi, ad esempio come migliorare la governance del calcio.

Crediamo che, come conseguenza del riconoscimento della funzione dello sport come istituzione culturale operante in ambito sportivo ma anche economico, i tifosi debbano essere inclusi in questo dialogo.

PREVENZIONE E LOTTA CONTRO DISCRIMINAZIONE E VIOLENZA

Lo sviluppo di una sensazione di coinvolgimento e proprietà può favorire un atteggiamento responsabile e costruttivo tra i tifosi ed avere un impatto positivo sulla riduzione della violenza, come riconosciuto dal Libro Bianco dello Sport.

Nel lungo periodo si tratta di un passo cruciale ma è importante anche nel breve periodo. Il club non sarebbe più visto qualcosa di esterno che può assorbire le conseguenze di comportamenti irresponsabili ma qualcosa di proprio e di accogliente da non coinvolgere in atti di violenza.

Azioni:

 Suggeriamo che  le istituzioni dell’UE promuovano ulteriormente gli effetti positivi che il coinvolgimento dei tifosi può avere sulla società in genere, dato che la discriminazione e la violenza non sono problemi solo del calcio ma necessitano di essere trattati come problemi della società nel suo complesso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: